Caricamento Eventi

Dettagli

Inizio:
20 Dicembre
Fine:
21 Dicembre
Quando
dal 20 Dicembre al 21 Dicembre

Eduardo De Crescenzo
Avvenne a Napoli

20 Dicembre - 21 Dicembre

8 e 22 novembre e poi 13 e 20 dicembre

Eduardo De Crescenzo – Voce e fisarmonica
Julian Oliver Mazzariello – Pianoforte
Introduce all’ascolto Federico Vacalebre

AVVENNE A NAPOLI passione per voce e piano 
un disco, un libro, un concerto. 

E’ l’omaggio che Eduardo De Crescenzo, nel pieno della sua maturità espressiva, ha voluto rivolgere alle sue radici culturali. Rilegge la CANZONE CLASSICA NAPOLETANA dai suoi esordi, intorno al 1800, fino al 1950, quando con lo sbarco degli alleati americani arriverà in Italia il jazz e la musica cambierà per sempre. La sua voce iconica affronta magistralmente, per la prima volta, 20 grandi classici di “un repertorio che gli appartiene per DNA”, come dice Federico Vacalebre, giornalista e critico musicale, nel suo libro “Storie del canzoniere napoletano” che accompagna la pubblicazione dell’album.

Cerca “il suono perduto”, Eduardo, il suono che doveva avere la CANZONE NAPOLETANA nel suo tempo, prima che venisse sopraffatta da mille rifacimenti insensati, da mille fraintendimenti culturali. Cantante e interprete, musicista e compositore colto e appassionato, avvia un lavoro di ricerca storica e musicale. Scava negli spartiti, dietro gli spartiti, per cogliere le intenzioni stilistiche di una generazione di artisti rivoluzionaria che inventò la forma “canzone” così come viene praticata ancora oggi in tutto il mondo, che innovò le tecniche del Belcanto Operistico e segnò la nascita “dell’interprete” che unisce al canto la capacità di far vivere i versi dei grandi poeti che scrissero questo repertorio. Il pianoforte è quello di Julian Oliver Mazzariello, uno dei pianisti più incantevoli e  geniali apparsi sulla scena musicale negli ultimi anni: anglo-italiano, originale ed eurocentrico, come lo fu la Napoli di allora, meta ambita dagli artisti di tutto il mondo, la città dei quattro Conservatori, faro di riferimento della cultura europea.

IL CONCERTO

Come in una macchina del tempo, alla ricerca del suono perduto, Eduardo e Julian, trasportano l’ascoltatore nelle atmosfere di un mondo artistico incantato che raccontò in versi e in musica, la bellezza della città e il suo umano sentire. 

Su alcuni brani interviene, riconoscibile e suggestiva, la fisarmonica di Eduardo, strumento che diventò popolarissimo in quel tempo, a suggello dell’enorme successo di quella “Canzone d’Arte”, esclusiva e colta, e che pure riuscì a penetrare nelle case di tutti, anche di chi non poteva permettersi di comprare un pianoforte. 

Fenesta vascia – Luna nova – Era de maggio – Marechiare – ‘A vucchella – Serenata napulitana – I’ te vurria vasa’ – Maria Mari’ – Santa Lucia luntana – Silenzio cantatore – Uocchie ch’arraggiunate – ‘O marenariello – Te voglio bene assaje – Scétate – Canzona appassiunata – Passione – Voce ‘e notte – Che t’aggia di’ – Munasterio ‘e Santa Chiara – Luna rossa.

Il CD “AVVENNE A NAPOLI passione per voce e piano” e il libro “Storie del canzoniere napoletano” in un cofanetto unico, pubblicato il 26 maggio 2022  da La nave di Teseo in collaborazione con Betty Wrong Edizioni Musicali di Elisabetta Sgarbi.
in libreria e negli store digitali.

www.eduardodecrescenzo.it

About My Work

Phasellus non ante ac dui sagittis volutpat. Curabitur a quam nisl. Nam est elit, congue et quam id, laoreet consequat erat. Aenean porta placerat efficitur. Vestibulum et dictum massa, ac finibus turpis.

Recent Works